Buon sabato ai lettori di Just Basket, recentemente abbiamo intervistato l’allenatrice della Gradisca, Giuliana De Stefano Donzelli, che ci ha espresso la sua ferma opinione sul potenziale del suo roster. Segue quanto detto qui di seguito:

JB: Buongiorno, siamo con l’allenatrice della Gradisca, Giuliana De Stefano Donzelli. La sua squadra ha strappato l’ultimo biglietto valido per un posto play-off, cosa si aspetta dalla sua squadra in questa fase di campionato?

GDSD: Buongiorno a lei,ho sempre creduto nelle potenzialità della mia squadra,composta da uomini di grinta,tenacia e soprattutto voglia di fare e vincere!Siamo stati “sfortunati” in alcune partite ma alla fine abbiamo dimostrato che insieme,da squadra,tutto si può fare!Più che strappato direi che abbiamo meritato ampiamente l’ultimo posto ai play off visti i 12 punti che ci separano dall’ultima e i pari punti sul campo della “si può fare”!

JB: Nel primo turno affronterete la corazzata Stingers, roster partito a fionda ma calato nel girone di ritorno, chiederà ai suoi uno sforzo in più o si aspetta una sfida equilibrata sin dal primo secondo?

GDSD: Affronteremo a testa alta gli Stingers,un roster di tutto rispetto,con giocatori di una certa leva sportiva!Noi faremo del nostro meglio e utilizzando al massimo le nostre potenzialità dimostreremo di essere all’altezza di un match tanto importante quanto fondamentale!Spingeró il mio roster a dare il massimo…come già hanno dimostrato di saper fare!Sono certa che sarà una partita dai toni accesi ma di grande spettacolo per i tifosi!

JB: Vede una favorita in ottica vittoria finale oppure ai play-off ogni valore è azzerato?

GDSD: Certo che vedo una favorita e ovviamente la favorita è la “Gradisca”!Mi scusi per la presunzione,ma a conti fatti la nostra squadra non è da meno a nessuna delle altre partecipanti al campionato!Abbiamo giocatori che danno l’anima in ogni partita rispettando il valore dello sport!Ognuno dei componenti del mio roster ha dato un contributo importante ai fini del risultato e li ringrazio tutti per questo!Nell’ottica dei playoff ogni valore è azzerato e tutto diventa possibile!Chi la dura la vince nel basket come nella vita!Comunque se invece dovessi basarmi sui soli valori espressi durante il campionato direi Mediterranea! Nulla togliere ovviamente alle altre squadre che hanno dimostrato tutte un valore aggiunto,il rispetto delle regole e il FairPlay di tutti i giocatori!

JB: Giusta osservazione, facendo un parallelo con la passata stagione il Basket Pellaro, da quinta forza in campionato è arrivato a giocarsi la finalissima proprio contro la Mediterranea.
Invece adesso cambiamo discorso e parliamo del nuovo regolamento CSI, il Free dovrebbe essere un campionato “amatoriale” dove la pallacanestro in primis dovrebbe essere vista come rappresentazione di valori etico-sportivi.
Purtroppo per far fronte alcuni atteggiamenti che vanno controtendenza a questi ideali, è stata introdotta la classifica fair-play. Ritiene che questa sia stata una scelta corretta, o che sarebbe stato il caso di introdurre una normativa differente?

GDSD: Il nuovo regolamento CSI Free ha introdotto numerosi “cavilli” poco comprensibili ai molti…ma questa è un’altra storia!La classifica FairPlay a mio avviso è stata introdotta giustamente!Il vero giocatore di basket mostra il proprio valore in campo non solo attraverso le sue performance sportive ma anche grazie al suo comportamento leale e corretto!Il FairPlay fa del giocatore di basket un giocatore d’eccellenza!

JB: Vuole lanciare un messaggio alle avversarie della Gradisca o ai lettori del sito?

GDSD: Potrei usare una citazione del mio giocatore Domenico Seminara,buontempone della squadra,che è stato un po’ l’inno personale della Gradisca quest’anno,ma non è il caso di renderlo pubblico per cui…Mi limito a dire “Go…Gradisca…Go!!!”

JB: Grazie mille per il tempo dedicatoci ai fini dell’intervista ed in bocca al lupo per il prosieguo di stagione!